Altri eventi

DG Welfare Lombardia in collaborazione con SIHTA
CONGRESSO REGIONALE HTA Milano 10 giugno 2019 I ore 10.00/17.00 I Palazzo Lombardia, sala Testori

Vai al Programma >>


Programma Nazionale HTA: Confronto tra le istituzioni e il contesto internazionale  e regionale
Catanzaro, Venerdì 17 Maggio 2019 I Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro, Auditorium

Il Contributo di SIHTA nell’attuazione del Piano Nazionale di HTA – Pietro Derrico (Presidente SIHTA)

Leggi il programma
Le risorse in sanità sono sempre meno. Le ricette di finanza pubblica per la riduzione della spesa, ha visto in passato l’adozione di tagli lineari che hanno generato ulteriori diseconomie, il loro principale fallimento è dovuto alla mancanza di un’attenta valutazione del valore dei programmi e delle tecnologie da adottare, riducendo in maniera indiscriminata il finanziamento a prescindere dalla loro efficacia. Il Programma Nazionale di HTA è frutto di un lungo cammino iniziato nel 2014 con il Patto della Salute 2014-2016, poi recepito nella Legge finanziaria del 2015. Le linee operative si sono invece delineate con l’intesa Stato Regioni che ha approvato il Documento Strategico della Cabina di Regia.  Oggi l’HTA è l’unico strumento in grado di poter misurare le differenze in termini di costo efficacia tra programmi alternativi e di fissare le priorità, ed è per questo che a livello centrale insieme al contributo delle Regioni si sta spingendo verso l’adozione di un Programma Nazionale che oggi vede la partecipazione attiva della Cabina di Regia, di Agenas, delle Regioni e vede coinvolti gran parte degli stakeholders.
Nel corso dei lavori le istituzioni centrali coinvolte, quali il Ministero della Salute ed Agenas faranno il punto sullo stato di avanzamento del Piano Strategico, mentre le Regioni che hanno già inserito in maniera strutturata le valutazioni HTA nei processi decisionali, forniranno dei modelli organizzativi che potranno essere di esempio per quei contesti in cui le attività di valutazione non sono ancora avviate. Inoltre, la sessione vedrà il coinvolgimento della Società Italiana di HTA (SIHTA) per la presentazione delle iniziative proposte finora e quelle previste per i prossimi anni. A conclusione dell’evento è previsto un dibattito con i Direttori Generali della Regione Calabria con la finalità di adottare e facilitare nuovi percorsi virtuosi che possano portare nel più breve tempo possibile all’adozione di programmi regionali di HTA.

PROGRAMMA


Moderatori: Emilio Chiarolla (AIIC), Marco Magheri (Panorama della Sanità)

09:00 – 11:00
Saluti
Giovanbattista De Sarro (Rettore Università degli Studi Magna Graecia  di Catanzaro)
Lorenzo Leogrande (Presidente AIIC)

Il valore dell’HTA nel contesto internazionale
Iñaki Gutiérrez-Ibarluzea (Health Technology Assessment international – HTAi)

Le novità dal Programma Nazionale di HTA
Marcella Marletta (Ministero della Salute)

Il Contributo di SIHTA nell’attuazione del Piano Nazionale di HTA
Pietro Derrico (Presidente SIHTA)

Il Coordinamento delle attività di implementazione del Programma Nazionale di HTA
Laura Velardi (Agenas)

PNHTA e contesto regionale:

  • Regione Liguria, Gaddo Flego
  • Regione Lombardia, Michele Tringali
  • Regione Puglia, Elisabetta Graps
  • Regione Veneto, Anna Cavazzana

11:00 – 13:00
Tavola rotonda con i Rappresentanti Regionali e i Direttori delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere della Regione Calabria
Moderatore: Emilio Chiarolla

Panel:

  • Antonio Belcastro (Regione Calabria)
  • Anna Cavazzana (Regione Veneto)
  • Gaddo Flego (Regione Liguria)
  • Elisabetta Graps (Regione Puglia)
  • Michele Tringali (Regione Lombardia)
  • Direttori delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere della Regione Calabria

“HTA: STRUMENTO PER L’INNOVAZIONE E LA RESILIENZA DEL SISTEMA”
1° Convention del Management della Sanità italiana
Roma, 7-9 novembre 2018 I Palazzo dei Congressi EUR

Leggi il resoconto
Innovazione tecnologica, management, accesso ai servizi, ricerca scientifica, governance del sistema sanitario, questi, in sintesi, i principali temi che hanno portato la FIASO, con i suoi 20 anni di attività, ad organizzare la 1° Convention del Management della Sanità italiana nei giorni 7÷9 novembre 2018 presso il Palazzo dei Congressi dell’EUR di Roma. Nella mattinata di venerdì 9 novembre 2018 si è svolta una sessione parallela riguardante gli Strumenti per l’innovazione e la resilienza del sistema a cui hanno partecipato importanti esponenti, afferenti alle Istituzioni, Università e Società Scientifiche tra cui la Società Italiana di Health Technology Assessment (SIHTA). Numerosi gli spunti di riflessione emersi nella sessione riguardanti sostanzialmente gli strumenti di clinical governance e l’Health Technology Assessment. L’obiettivo, infatti, è stato quello di confrontarsi sull’importanza dell’innovazione tecnologica in sanità misurandone il valore nell’ottica di un miglioramento continuo della salute del cittadino. Fondamentale per tale scopo è, dunque, la ricerca scientifica, con i relativi risultati prodotti, le evidenze e le Real World Evidence, da discutere e valutare concretamente sui tavoli tecnici con interlocutori competenti di alto profilo professionale, includendo anche i cittadini/pazienti. Inoltre, è emersa l’importanza delle valutazioni di HTA   per garantire l’accesso all’innovazione garantendo la resilienza del sistema. Infatti, tali valutazioni dimostrano un impatto positivo non solo sul beneficio clinico ma anche sulla riduzione dei costi sociali, assistenziali e previdenziali. Qualsiasi innovazione in sanità, dunque, opportunamente misurata e comparata con il tipico approccio razionale dell’HTA, deve portare valore al SSN.
A conclusione dei lavori è intervenuto, in rappresentanza di SIHTA, l’Ing. Matteo Ritrovato, componente del Comitato Tecnico Scientifico SIHTA nonché Responsabile dell’Health Technology Assessment presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, il quale ha evidenziato come l’HTA rappresenta un prezioso supporto per comprendere l’effettiva innovazione e garantire concretamente la sostenibilità del sistema nonché l’equità nell’accesso alle cure. Per perseguire tale scopo, la SIHTA sta continuando a portare avanti progetti e corsi di formazione in tema di HTA per continuare a diffondere la cultura della valutazione.


L’HTA IN CHIRURGIA
Congresso Congiunto delle Società Scientifiche Italiane di Chirurgia (ACOI)
Roma, 16 ottobre 2018 ICentro Congressi “La Nuvola”

Leggi il resoconto
Nel corso del Congresso Congiunto delle Società Scientifiche Italiane di Chirurgia (ACOI), presso il Centro Congressi “La Nuvola” di Roma, si è svolta una sessione riguardante “Il Programma Nazionale di HTA per i dispositivi in chirurgia” (cfr 16 ottobre 2018). La sessione, organizzata in collaborazione con l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS), Università Cattolica del Sacro Cuore, e la Società Italiana di Health Technology Assessment (SIHTA), è stata pensata per formare i chirurghi sull’utilizzo consapevole delle innovazioni tecnologiche considerando le peculiarità e le opportunità dell’HTA.
All’apertura dei lavori ha presenziato l’Ing. Pietro Derrico, Presidente SIHTA, il quale ha ricordato come non ci si può disconnettere dal tema della valutazione dell’innovazione dove i cultori sono e devono essere i professionisti, ovvero gli utilizzatori delle tecnologie. “L’innovazione”, ha precisato il Presidente SIHTA, “permette di comprendere l’effettivo valore della ricerca industriale che può essere resa disponibile ai pazienti tramite i professionisti e le relative società scientifiche”. L’Ing. Derrico ha evidenziato, inoltre, che “negli ultimi anni, a livello nazionale, sono stati fatti grandi passi avanti sul tema dell’HTA e, un importante svolta, è il Programma Nazionale con il quale si afferma la possibilità di introdurre in modo più rapido l’innovazione anche mediante le segnalazioni di tutti coloro che vorranno indicare le tecnologie da valutare. Un ulteriore segno tangibile, a livello istituzionale, è rappresentato dalla recente delibera del Ministro della Salute sull’applicazione dell’HTA nell’aggiornamento dei LEA”.
A seguire, la lettura introduttiva del Prof. Americo Cicchetti, Past President SIHTA, riguardante lo scenario nazionale, europeo ed internazionale dell’HTA. Durante questo intervento il Prof. Cicchetti ha sottolineato non solo l’importanza dell’evidenza scientifica, strutturata e condivisa, che permette ai professionisti di prendere delle decisioni oculate in tema di HTA (cfr farmaci, procedure-LEA, dispositivi medici, piano vaccinale) ma anche “la necessità di evolvere, continuare ad investire e collaborare insieme alle società scientifiche, ai professionisti e ai pazienti per evitare di tornare alla spending review o abdicare ad un sistema non universalistico”.
La Dott.ssa Marcella Marletta ha illustrato il Programma Nazionale di HTA per i dispositivi medici (PNHTA-DM) mostrando le fasi operative del documento, dopo l’approvazione in conferenza Stato Regioni nel settembre 2017. Nella relazione seguente, il Dott. Marco Marchetti ha sottolineato da un lato l’importanza della qualità delle evidenze scientifiche per la predisposizione di report di HTA fruibili dai decision-maker e dall’altro il contributo delle società scientifiche e dei clinici che contribuiscono a supportare tali evidenze garantendo l’affidabilità dei dati. Dopo questo intervento ha preso parola il Dott. Antonio Crucitti il quale ha illustrato il possibile contributo dei chirurghi nei processi di HTA a livello micro. Successivamente, il Dott. Fulvio Manzi ha presentato il progetto Cure with Care nato dalla volontà di ACOI e FCC di ristabilire un’alleanza terapeutica tra cittadino e chirurgo con l’obiettivo di garantire la qualità delle cure e ridurre eventuali complicanze e contenziosi. In seguito è stato approfondito il ruolo dell’industria nei processi di HTA dal Dott. Luigi Mazzei il quale ha sottolineato come l’industria collabora attivamente con gli stakeholder per governare l’innovazione tecnologica offrendo ai decisori e ai cittadini informazioni rigorose.
Nella fase conclusiva della sessione è intervenuta la Dott.ssa Rossana Tarricone con una relazione riguardante l’analisi dell’impatto economico dell’innovazione tecnologica in chirurgia di parete.



Radiofarmacia e HTA: la valorizzazione delle innovazioni
Trento, 4 giugno 2018 I Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari di Trento

Leggi il resoconto
Il 4 giugno 2018, presso l’Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari di Trento, si è svolto il corso residenziale di aggiornamento a carattere nazionale, a cura dell’area Radiofarmacia della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO), dal titolo “Radiofarmacia e HTA: la valorizzazione delle innovazioni”. Il corso, di natura pratica-applicativa che ha visto la partecipazione di n. 80 Operatori Sanitari provenienti da tutto il territorio Nazionale (farmacisti ospedalieri e territoriali, medici chirurghi, tecnici sanitari di radiologia medica e chimici), ha sottolineato l’importanza delle valutazioni di Health Technology Assessment nella Medicina Nucleare. L’applicazione del concetto di tecnologia sanitaria ad una Unità Operativa di Medicina Nucleare è molto ampio: la nozione può essere utilizzati in vari campi di interesse (radiofarmaci, dispositivi medici, attrezzature sanitarie, procedure mediche, percorsi assistenziali, assetti strutturali, organizzativi e manageriali nei quali viene erogata l’assistenza sanitaria). L’approccio dell’HTA assume, dunque, una connotazione che è propria della natura della Medicina Nucleare: la multidisciplinarità.
In tale contesto il farmacista ospedaliero afferente al campo della Medicina Nucleare può fornire un prezioso supporto per associare in modo interdisciplinare da una parte le valutazioni di sicurezza, efficacia, economia e dall’altra le scelte dei policy makerper un impiego più appropriato delle risorse del Servizio Sanitario Nazionale e dei processi propri della medicina nucleare. Il farmacista, infatti, per le sue peculiarità, è sempre più coinvolto nel managementsanitario (gestione di budget per l’acquisto di farmaci e dispositivi medici spesso innovativi).
Hanno dato inizio ai lavori i responsabili scientifici del corso: Dott.ssa Stefania Agostini, Dott.ssa Monica Santimaria ed il Dott. Nicola Pace, il quale è componente del Comitato Tecnico Scientifico della Società Italiana diHealth Technology Assessment(SIHTA). Hanno partecipato anche altri esponenti della SIHTA tra cui il Dott. Giandomenico Nolloed il Dott. Giovanni Maria Guarrera, afferenti, rispettivamente, al Consiglio Direttivo e Comitato Tecnico Scientifico.
L’obiettivo del corso è stato quello di sviluppare e diffondere la cultura dell’HTA nelle radiofarmacie ospedaliere, promuovendo contestualmente lo sviluppo dei metodi di indagine, degli strumenti operativi, della presentazione delle valutazioni e della diffusione delle informazioni. Durante la giornata formativa, sono stati introdotti i principi propri dell’health technology assessment, è stato argomentato, dunque, il tipico processo di HTA e, successivamente sono stati sviluppati dei case studies. Nello specifico, sono state affrontate le seguenti aree tematiche di natura pratica-applicativa: imaging e appropriatezza d’uso; innovazione e monitoraggio del cambiamento, ricerca e formazione per la valorizzazione delle competenze e delle prestazioni. Tali esercitazioni hanno consentito ai discenti di seguire le varie fasi del processo di HTA e di comprenderne l’applicazione in una U.O. di Medicina Nucleare, nei diversi contesti possibili.

74° Congresso della Società Italiana di Pediatria
CORSO SIHTA AL CONGRESSO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PEDIATRIA
Roma, 3 giugno 2018 I Antelicum Congress Centre – Pontificia Università San Tommaso D’Aquino

Leggi il resoconto
Si è svolto il 13 giugno 2018, presso l’Angelicum Congress Centre a Roma, il corso sull’Health Technology Assessment (HTA) organizzato dalla SIHTA in occasione del 74° Congresso della Società Italiana di Pediatria. La finalità generale del corso formativo, indirizzato ad un target di medici e pediatri, è stata quella di favorire l’acquisizione di conoscenze afferenti al mondo dell’HTA. Il Responsabile Scientifico del corso è stato il Presidente SIHTA, Ing. Pietro Derrico, il quale ha introdotto i partecipanti nel complesso campo della valutazione delle tecnologie sanitarie, diffondendone: la terminologia; le origini e l’evoluzione del processo HTA a livello nazionale, europeo ed internazionale; le diverse fasi di valutazione ed i meccanismi a livello macro, mesoe micro.
Successivamente è intervenuto il Dott. Giovanni Maria Guarrera, componente del Comitato Tecnico Scientifico SIHTA, che ha argomentato l’importanza della valutazione dell’efficacia clinica in HTA e la modalità per cercare informazioni ed approcciarsi ad un tipico studio basato sulle evidenze scientifiche. Sono stati illustrati i manuali operativi di HTA nonché i vari motori di ricerca utilizzati a livello europeo ed internazionale per la ricerca di articoli scientifici affidabili ed attendibili. Il corso è proseguito con la relazione dell’Ing. Matteo Ritrovato, anche lui afferente al Comitato Tecnico Scientifico SIHTA, riguardante la spiegazione del modello organizzativo di HTA ed il metodo utilizzato per l’integrazione delle evidenze nei processi di valutazione delle tecnologie sanitarie. Nello specifico è stata riportato il tipico modello organizzativo di Hospital Based HTA e la relativa esperienza dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.
Infine il corso si è concluso con un focus sulla dimensione economica dei processi di valutazione, discussa dalla Dott.ssa Silvia Coretti, componente della segreteria scientifica dell’Health Policy ForumSIHTA, la quale ha approfondito i modelli utilizzati ed i relativi strumenti a disposizione per effettuare l’analisi economica di una tecnologia sanitaria.