Radiofarmacia e HTA: la valorizzazione delle innovazioni

0

QUALE LEGAME TRA RADIOFARMACIA E HTA?

Francesca Sabusco – Comitato editoriale e Segreteria Scientifica SIHTA

 

Il 4 giugno 2018, presso l’Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari di Trento, si è svolto il corso residenziale di aggiornamento a carattere nazionale, a cura dell’area Radiofarmacia della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO), dal titolo “Radiofarmacia e HTA: la valorizzazione delle innovazioni”. Il corso, di natura pratica-applicativa che ha visto la partecipazione di n. 80 Operatori Sanitari provenienti da tutto il territorio Nazionale (farmacisti ospedalieri e territoriali, medici chirurghi, tecnici sanitari di radiologia medica e chimici), ha sottolineato l’importanza delle valutazioni di Health Technology Assessment nella Medicina Nucleare. L’applicazione del concetto di tecnologia sanitaria ad una Unità Operativa di Medicina Nucleare è molto ampio: la nozione può essere utilizzati in vari campi di interesse (radiofarmaci, dispositivi medici, attrezzature sanitarie, procedure mediche, percorsi assistenziali, assetti strutturali, organizzativi e manageriali nei quali viene erogata l’assistenza sanitaria). L’approccio dell’HTA assume, dunque, una connotazione che è propria della natura della Medicina Nucleare: la multidisciplinarità.

In tale contesto il farmacista ospedaliero afferente al campo della Medicina Nucleare può fornire un prezioso supporto per associare in modo interdisciplinare da una parte le valutazioni di sicurezza, efficacia, economia e dall’altra le scelte dei policy makerper un impiego più appropriato delle risorse del Servizio Sanitario Nazionale e dei processi propri della medicina nucleare. Il farmacista, infatti, per le sue peculiarità, è sempre più coinvolto nel managementsanitario (gestione di budget per l’acquisto di farmaci e dispositivi medici spesso innovativi).

Hanno dato inizio ai lavori i responsabili scientifici del corso: Dott.ssa Stefania Agostini, Dott.ssa Monica Santimaria ed il Dott. Nicola Pace, il quale è componente del Comitato Tecnico Scientifico della Società Italiana diHealth Technology Assessment(SIHTA). Hanno partecipato anche altri esponenti della SIHTA tra cui il Dott. Giandomenico Nolloed il Dott. Giovanni Maria Guarrera, afferenti, rispettivamente, al Consiglio Direttivo e Comitato Tecnico Scientifico.

L’obiettivo del corso è stato quello di sviluppare e diffondere la cultura dell’HTA nelle radiofarmacie ospedaliere, promuovendo contestualmente lo sviluppo dei metodi di indagine, degli strumenti operativi, della presentazione delle valutazioni e della diffusione delle informazioni. Durante la giornata formativa, sono stati introdotti i principi propri dell’health technology assessment, è stato argomentato, dunque, il tipico processo di HTA e, successivamente sono stati sviluppati dei case studies. Nello specifico, sono state affrontate le seguenti aree tematiche di natura pratica-applicativa: imaging e appropriatezza d’uso; innovazione e monitoraggio del cambiamento, ricerca e formazione per la valorizzazione delle competenze e delle prestazioni. Tali esercitazioni hanno consentito ai discenti di seguire le varie fasi del processo di HTA e di comprenderne l’applicazione in una U.O. di Medicina Nucleare, nei diversi contesti possibili.

http://www.sifoweb.it/formazione-residenziale/corsi-nazionali/3462-radiofarmacia-e-hta-la-valorizzazione-delle-innovazioni-trento,-4-giugno-2018.htm

radiofarmacia-e-hta

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by themekiller.com